La ricerca

Questa sezione è dedicata a presentare le principali ricadute che il progetto di ricerca del Campo Eolico Sperimentale che ha avuto dal 2007 al 2013. Attraverso la realizzazione di articoli (pubblicati su rivista e presentati a convegni), tesi di dottorato e di laurea è stato possibile formalizzare e diffondere le conoscenze acquisite in questi sei anni di sperimentazione. Alcune ricadute della ricerca non sono direttamente quantificabili, ma non per questo meno rilevanti. Nel corso di questi anni il Campo Eolico Sperimentale è stato oggetto di visite da parte degli studenti dei corsi di laurea dell’Università degli Studi di Trento, ma anche di tanti soggetti esterni; visite in cui i partecipanti hanno sempre mostrato un vivo interesse per questa tecnologia. Per molti di loro una visita presso il sito sperimentale, accompagnati dal personale dell’Università, ha avuto una reale efficacia nella trasmissione della conoscenza relativa all’eolico, così come alle energie rinnovabili in genere.

Le caratteristiche di elevata turbolenza ed irregolarità dei siti poso ventosi ed in particolare di quelli montani producono fenomeni di sollecitazioni estreme e affaticamento strutturale che possono ridurre notevolmente la vita della macchina. Avvalendosi della strumentazione disponibile al campo eolico, si è condotta una campagna di misure dedicata all’identificazione della struttura del vento e ai suoi effetti sullo stato strutturale della turbina e sul suo comportamento dinamico. Il problema dell’analisi dell’effetto della turbolenza e della complessità del sito, sia in relazione al livello di produzione energetica che all’affaticamento strutturale, è stato oggetto di molte indagini negli anni recenti. Tuttavia l’interesse si è concentrato sulle strutture di macchine taglia MW e per intensità della turbolenza modeste, dell’ordine del 10-12%. La nostra ricerca si rivolge all’analisi di macchine di piccola taglia, da utilizzarsi per la produzione distribuita di energia elettrica ed installate in siti poco particolarmente irregolari e turbolenti come quelli montani. In tale ambito molto degli aspetti di peculiarità della risorsa sono ancora poco noti, si citi per tutti la complessità dei terreni che induce componenti verticali della velocità e distribuzioni della turbolenza differenti da quelle dei siti pianeggianti. Si sospetta che l’effetto di tali caratteristiche possa creare degli stati di affaticamento particolarmente gravosi sulle strutture delle macchine eoliche, dal rotore, al treno elettromeccanico, alla torre, come peraltro risulta dalle rotture e malfunzionamenti registrati sulle macchine eoliche del sito negli anni della ricerca.

Elenco delle principali pubblicazioni sul Campo Eolico Sperimentale

I commenti sono chiusi.